pandemia

Come ci adattiamo alla vita in caso di pandemia?

La pandemia di Covid -19 ha portato molti cambiamenti difficili. Ha sconvolto le nostre vite, il nostro mondo, rivendicando i membri della famiglia, le imprese e la libertà.

Questo è un periodo caotico e difficoltoso.

Se consideriamo la vita un territorio inesplorato pandemico, vediamo i suoi numerosi punti di riferimento solo quando li incontriamo in questo momento. Siamo diventati viaggiatori solitari in nuove frontiere spaventose e talvolta pericolose. Anche se possiamo sentire che stiamo andando da soli, viaggiare attraverso questo nuovo modo di vivere porta alla luce esperienze simili per molti di noi.

Dissonanza cognitiva

Quando indossiamo le maschere? Con chi? Quanto vicino è troppo vicino? Possiamo abbracciare i nostri nonni?I modi di interagire e muoversi nel mondo che erano diventati una seconda natura vengono invertiti o nettamente alterati.

Bar, ristoranti e luoghi di intrattenimento sono stati chiusi, quindi aperti con restrizioni e linee guida da parte dei consulenti medici nazionali. Ci sentiamo ancora al sicuro in loro?  Ogni persona sembra avere la propria opinione e strategia per navigare in queste acque incerte. E alcuni di loro ritengono che le regole non si applichino a loro.

La catastrofe non è solo “già avvenuta”. La vita in una pandemia significa che siamo costantemente in attesa che si verifichi la prossima catastrofe. Sarà la perdita di un’azienda? Una persona cara si ammalerà?  Proteste e discussioni domineranno per sempre i titoli dei giornali?

Paura della malattia

Il Covid-19 è forse la malattia più spaventosa della nostra vita a causa della facilità di trasmissione e della gravità dei sintomi. Non solo, i sintomi persistono a lungo dopo che la malattia è scomparsa, come difficoltà respiratorie, problemi cardiaci e affaticamento… Non sappiamo chi sarà il prossimo malato o se siamo stati in contatto con loro.

Vulnerabilità

La vita in una pandemia significa che siamo tutti vulnerabili e nessuno di noi sa esattamente quando o dove potremmo incontrare la malattia. L’ansia, tuttavia, è sempre presente. Questo, Covid ci ha resi tutti uguali.

Più ansia e depressione

Come effetto collaterale, ci sono livelli crescenti di ansia e depressione nei giovani adulti e nelle persone  di tutte le età che non hanno Covid-19. 

Tutti i modi in cui la vita in una pandemia ci ha cambiato:

Le donne sono impegnate più che mai. Hanno sempre dedicato più tempo alle attività domestiche e di cura della famiglia rispetto ai loro colleghi maschi, ma ora all’ennesima potenza. È un’impresa da super-donna gestire i bambini che sono ancora a casa invece che a scuola mentre si destreggia tra l’aumento delle esigenze familiari dalla presenza costante in casa e il lavoro in più.

Oppure, potrebbero non funzionare come un adattamento improvviso per soddisfare i bisogni della loro famiglia durante la vita pandemica. Non è che le donne abbiano più problemi a bilanciare le richieste concorrenti rispetto agli uomini, ma è più comune (o più previsto?) che le donne adattino la loro vita professionale per soddisfare le esigenze della famiglia.

Passaggio da ‘di persona’ a virtuale

Molti posti di lavoro sono diventati virtuali a causa della pandemia. Non così male, forse.

Anche molte classi sono diventate virtuali. Un po ‘più difficile qui. In che modo i genitori dovrebbero monitorare l’istruzione virtuale dei propri figli pur continuando a provvedere alla famiglia?

Non solo quegli elementi quotidiani della vita sono diventati virtuali, ma anche le nostre occasioni di vita. Molte riunioni di famiglia, compleanni, matrimoni devono essere condotte e frequentate online. Niente abbracci, niente condivisione di cibo.

Confini sfocati personali e professionali

Case e automobili divennero uffici. I gatti si mettono a chiacchierare con i colleghi. I bambini interrompono le riunioni professionali.

La vita in una pandemia significa che i nostri colleghi possono vedere il nostro spazio personale privato, le foto di famiglia, un letto sfatto. Sembra quasi un’intrusione.

Vivere con terrore e ansia

Più che mai, le persone stanno combattendo l’incertezza esistenziale. Condividono storie inquietanti e riempiono i nostri  media di fatti e immagini spaventosi. Circoli dei social media con dibattiti sui rischi che stiamo correndo e su cosa è accettabile.

Siamo tutti in un paesaggio sconosciuto e pericoloso.

Sentendosi colpevole

Molte persone hanno a che fare con il senso di colpa, sia che si senta privilegiato, che non si stia facendo abbastanza per prevenire la pandemia o qualsiasi altra ragione.

Il senso di colpa è diventato come la nostra difesa, un noto in un mare di sconosciuto, contro una realtà spaventosa: che la pandemia è un evento casuale sul quale non abbiamo alcun controllo.

Ci sentiamo impotenti.

Isolamento sociale

La solitudine e la reclusione nelle nostre case è un segno distintivo dell’isolamento sociale della vita in una pandemia. 

È spaventoso vedere i nostri amici e familiari.

Non socializziamo.

Le case sono affollate di bambini e uffici domestici, troppo tempo insieme e poca privacy. I nostri soliti social network (quelli faccia a faccia) sono scomparsi. La violenza domestica è aumentata.

Sentirsi “bloccato” / Vita in attesa

Il tempo diventa una sfocatura nella vita di pandemia. È difficile tenere traccia delle date e non puoi pianificare molto lontano nel futuro.

Non sappiamo quanto durerà. Sarà all’inizio del prossimo anno o più a lungo prima di riprendere le nostre solite vite?

Vogliamo avere notizie per avere risposte, ma spesso ne usciamo sentendoci peggio.

L’aspetto non è più cosi importante

Ci vestivamo bene per andare a lavorare, ma con la vita in pandemia, quasi non importa come guardiamo. Il codice di abbigliamento è cambiato: circolano video di YouTube di persone vestite professionalmente dalla vita in su, ma con indosso pantaloncini o pigiama sotto.

Le donne si truccano a malapena ed è difficile farsi tagliare i capelli. Molti di noi si sono rassegnati a un aspetto spettinato e trasandato.

Aumento di peso

Livelli di stress elevati hanno portato a un aumento del consumo di cibo spazzatura del 400%. Per molte persone, lo stress alimentare e l’aumento di peso sono andati di pari passo con la vita pandemica. Altri sentono che l’unico piacere che ottengono è dal cibo.

Quindi, dopo aver realizzato quanto peso abbiamo guadagnato, ci sentiamo autocritici e depressi .

Capacità mentali minate

La ricerca sulle Neuroscienze ci mostra che il cervello non è costruito per pensare in modo complesso nei momenti di grande stress. Le funzioni esecutive di alto livello come la pianificazione, il pensiero astratto e la focalizzazione sono compromesse (Sanders, 2020)

Ci sentiamo tutti un po ‘distratti e abbiamo difficoltà a concentrarci. È difficile motivarci anche solo per iniziare.

Lotta per trovare il significato

La vita in una pandemia ha lasciato molti di noi con una sensazione di tristezza.

Perché è successo e come potevamo evitarlo?

Perché i politici non agiscono con decisione?

Lutto

Stiamo soffrendo per la  perdita delle nostre vite precedenti. Questo dolore del passato è una realtà, anche se quello che avevamo non ha funzionato in quel momento.

C’è la sensazione generale che la vita non dovrebbe essere così.

Incertezza e ansia

Non sappiamo quando il vaccino sarà pronto e disponibile. L’incertezza varia da “Quanto durerà?” a “Mi ammalerò?” a “Come pagherò l’affitto?”

E continua nel futuro: gli uffici virtuali e le riunioni sono la nostra nuova e modificata realtà? Torneremo mai negli uffici e nelle scuole?

Esaurimento costante

I giorni sembrano lunghi e alla fine siamo tutti stanchi. Anche l’incertezza e l’ansia prendono il loro pedaggio, lasciandoci esausti. 

Abbiamo bisogno di una pausa.

Flessibilità

Sul lato più leggero, la vita in una pandemia ci ha costretti a improvvisare e ad essere creativi.

Scrivanie e camere hanno nuovi usi. Gli insegnanti sono passati a programmi di lezioni per piattaforme virtuali. I ristoranti stanno mandando a casa i loro pietanze.

Modificare 

Il cambiamento è sempre fonte di paura. E questi sono alcuni dei più grandi cambiamenti che abbiamo mai sperimentato individualmente e come comunità. Non solo, questi cambiamenti ci hanno dato molti limiti. 

Sentirsi presi alla sprovvista

Il cambiamento è costante, quindi di solito non notiamo i piccoli cambiamenti. E quando sappiamo che sta arrivando un cambiamento, abbiamo la possibilità di prepararci. È quando veniamo colti alla sprovvista che diventiamo scombussolati, instabili o persino arrabbiati.

Tutto è cambiato, come lavoriamo, viviamo, facciamo acquisti, socializziamo, preghiamo … La vita in una pandemia ha cambiato il modo in cui vediamo e ci sentiamo riguardo al mondo. Questo tipo di cambiamento può creare un senso di incertezza e paura.

E ammettiamolo: anche quando è per il meglio, il cambiamento non è facile.

Come adattarsi al cambiamento (la vita in una pandemia):

1. Riconoscere il cambiamento monumentale.

Siamo nel bel mezzo del cambiamento e non sappiamo dove atterreremo.

2. Sii gentile con te stesso

Abbi empatia con te stesso. Non è facile, e va bene per te prendertela comoda il più spesso possibile. Ha senso che tu possa essere ansioso e spaventato. Per il prossimo futuro, stiamo tutti facendo un passo avanti all’altro …

3. Non sei solo

Stiamo tutti attraversando le nostre versioni di queste esperienze. Il mondo intero è nel mezzo di una vita pandemica e nessuno di noi è solo.

4. Modifica i tuoi standard

L’asticella è più bassa durante la vita pandemica: alzarsi la mattina, essere in grado di prendersi cura dei propri figli e svolgere qualsiasi lavoro da casa sono tutti grandi successi in questo momento.

Hai bisogno di aiuto per affrontare questi tempi stressanti?

La dottoressa Ester Spagna offre anche la terapia online  È una psicoterapeuta  certificata con oltre 40 anni di esperienza nel lavoro con individui e coppie.

Se hai bisogno di aiuto con la tua vita di navigazione in una pandemia contattami.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest

Post correlati

Copyright 2012 - 2021 Ester Spagna Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n.1810 – P.IVA 11163150151 - Via G. Pascoli 3 - 20129 Milano - (+39)335.8326.475

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi materiale gratuito!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi materiale gratuito!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.