La psicologia che sta dietro al mangiare poco e al mangiare troppo

Ti rivolgi al cibo per lenire sentimenti spiacevoli come tristezza, solitudine, ansia o rabbia?

Passi molto tempo a pensare al tuo peso, calorie, diete e immagine corporea?

Continui a mangiare, consumando una quantità insolitamente grande di cibo, in un’ora o due?

Provi vergogna, rimorso o senso di colpa dopo tali abbuffate?

Decidi di mangiare poco limitando fortemente l’assunzione di cibo o ti alleni eccessivamente dopo tali abbuffate?

Gli amici, i familiari o gli operatori sanitari hanno espresso preoccupazione per il tuo comportamento alimentare o il tuo peso?

Razionalizzi che puoi “farla franca” con l’eccesso di cibo o la sottoalimentazione compulsiva perché il tuo peso rientra nell’intervallo normale per la tua altezza, età e sesso, ma hai la fastidiosa sensazione che la tua relazione n. 1 sia con il cibo piuttosto che con le altre persone?

Altre aree importanti della tua vita come relazioni, lavoro, carriera, salute fisica ed emotiva, obiettivi da raggiungere sono state messi in secondo piano a causa della tua preoccupazione per il cibo, il peso e l’immagine corporea?

Se è così, non sei solo.

Mangiare emotivo: Perché cerchiamo il cibo quando siamo ansiosi o depressi?

La maggior parte delle persone ha avuto l’esperienza di mangiare troppo fino a quando non si sente “piena” (il Natale è un esempio comune). Inoltre, probabilmente tutti abbiamo mangiato per motivi emotivi: ammettiamolo, dal primo giorno il cibo è collegato all’amore e al nutrimento (essere allattati al seno o allattati artificialmente dalle nostre madri). È naturale che quando ci sentiamo a disagio, possiamo prendere un barattolo di Nutella per un po’ di conforto.

Tuttavia, in alcuni casi le persone iniziano a rivolgersi sempre più spesso al cibo, nel tentativo di gestire o liberarsi di sentimenti spiacevoli. A poco a poco, si può arrivare al punto in cui mangiare o concentrarsi sul cibo può finire per essere l’unico strumento nella propria cassetta degli attrezzi per gestire la vita.

In altri casi, le persone controllano meticolosamente l’assunzione di cibo decidendo di mangiare poco, riducono drasticamente o sono ossessionate dall’assunzione di calorie. Che tu ne sia consapevole o meno, tale preoccupazione per il cibo potrebbe essere un tentativo di controllare la tua vita, quando tutti gli altri aspetti della tua esistenza sembrano fuori controllo.

Se l’eccesso di cibo o l’ossessione per il cibo e la dieta diventano estremi, il tuo sviluppo emotivo e spirituale può essere compromesso o addirittura fermarsi.

Come gestire il disturbo da alimentazione incontrollata

Per quanto tu possa sentirti impotente riguardo ai tuoi problemi alimentari, tieni presente che i disturbi alimentari sono curabili. Con tenacia e impegno per il tuo benessere, puoi liberarti da compulsioni, emotività, abbuffate o carenze alimentari e sviluppare una sana relazione con il cibo e te stesso.

Aiuto le persone a guarire il loro rapporto con il cibo, il mangiare e l’immagine corporea. Credo che tutti noi abbiamo un sé saggio e amorevole che è in grado di gestire e prosperare nella vita. È il mio lavoro ed è un privilegio aiutarti a tornare in contatto con questa saggezza e forza dentro di te.

Perché i disturbi alimentari sono molto di più del semplice cibo?

In definitiva, i disturbi alimentari sono molto più del cibo. Le persone mangiano troppo, sono ossessionate dal cibo o limitano l’assunzione di cibo per molte ragioni, tra cui:

  • difficoltà a tollerare sentimenti spiacevoli, come depressione, rabbia o ansia;
  • un bisogno di auto-calmarsi (e non conoscere o usare altri metodi più utili);
  • un desiderio di “controllare” la propria vita, per una serie di motivi (tra cui solitudine, difficoltà relazionali, una giornata difficile al lavoro, essere insoddisfatti della propria carriera, alle prese con la scuola, ecc.);
  • come “ricompensa” o per festeggiare;
  • ipersensibilità a fattori scatenanti esterni e interni: il sistema nervoso di alcune persone è altamente sintonizzato, il che può essere sia una benedizione che una maledizione;
  • una tendenza al perfezionismo e al pensiero in bianco e nero (“Ho mangiato un biscotto, quindi potrei anche mangiare l’intera confezione”);
  • una disconnessione dai propri obiettivi e dalla propria intenzione, che può sembrare terrificante o smorzante (o entrambi).

Approcci per il recupero dei disturbi alimentari che aiutano a imparare (e ad amare) il proprio corpo

Le persone con un’alimentazione disordinata, spesso scoprono che imparare a gestire le proprie emozioni e migliorare le proprie capacità di comunicazione interpersonale può aiutare a spianare la strada a una sana relazione con cibo, corpo e peso. Soddisfare le connessioni con altre persone può effettivamente essere sia il segno. che la via per la guarigione.

Possiamo lavorare insieme per aiutarti a capire di cosa sei veramente affamato (o hai paura di rinunciare al controllo?) e come soddisfare i tuoi veri bisogni in modo costruttivo.

Grazie ai recenti progressi delle Neuroscienze, sappiamo molto più di quanto eravamo abituati a sapere, cosa può far andare un po’ storto il nostro cervello e come riqualificare il nostro cervello (e mente e anima) per raggiungere (o tornare a) un equilibrio e stato ottimale.

Trattamenti efficaci sono stati oggetto di rigorose ricerche negli ultimi decenni, con alcune modalità di trattamento specifiche che hanno dimostrato l’efficacia per il binge eating e il compulsive eating, come la terapia cognitivo comportamentale, il Focusing, l’EFT, ecc. Nelle mie sessioni con i clienti, utilizziamo una combinazione di questi approcci, per aiutarti a guarire non solo il tuo rapporto con il cibo, ma anche darti gli strumenti per vivere una vita più felice e appagante.

Contattami per saperne di più

3358326475espagna@mentecuore.it

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!

Facebook
Twitter
Pinterest

Post correlati

Prenotazione chiamata GRATUITAper discutere la tua situazione e aiutarti a determinare se il mio coaching è adatto a te!


Ricevi materiale gratuito!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi materiale gratuito!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.

Ricevi la tua copia gratuita!

Lasciami il tuo indirizzo e-mail e riceverai periodicamente materiale esclusivo direttamente nella tua casella di posta.